Qual è l’immunità innata?

L’immunità innata si riferisce a quelle caratteristiche dell’immunità che sono presenti alla nascita e passate geneticamente dai genitori ai bambini. Consiste non solo della membrana della pelle e del muco, ma delle cellule del sangue responsabili della lotta contro gli agenti patogeni come batteri e virus. L’immunità innata è diversa dall’immunità acquisita, che non è presente alla nascita e che si verifica quando il sistema immunitario combatte un agente patogeno e crea anticorpi contro quel patogeno per fornire un’immunità futura.

Il primo elemento importante del sistema immunitario innato è la pelle. La maggior parte dei patogeni non può penetrare la pelle, a meno che l’integrità della barriera non sia compromessa da lesioni. L’azione dei cariari nei polmoni e nei passaggi nasali aiuta a espellere i patogeni dal corpo prima che possano causare malattie. Le lacrime, la saliva, l’urina e la perdita di cellule della pelle morta sono tutte funzioni immunitarie innate che aiutano a mantenere i patogeni da infettare il corpo. La fodera della mucosa del tratto digestivo e respiratorio trapassa anche gli agenti patogeni prima di avere la possibilità di prendere corpo e causare malattie.

Le cellule del sangue bianco sono una delle caratteristiche più importanti dell’immunità innata. I diversi tipi di globuli bianchi comprendono fagociti, macrofagi e cellule killer naturali. Le cellule del sangue bianco servono al sistema immunitario identificando ed eliminando le minacce patogene. Queste cellule uccidono batteri e virus.

I diversi tipi di globuli bianchi hanno ruoli diversi nel sistema immunitario innato. I macrofagi si sviluppano quando i monociti, un tipo di globuli bianchi che si muovono nei tessuti infetti, si ingrandiscono e si riempiono di enzimi che li aiutano ad eliminare i batteri. I macrofagi rimangono nei tessuti nel sito dell’infezione, rimuovono i batteri e le cellule morte danneggiate.

Altre cellule del sangue del sistema immunitario hanno diverse capacità di intrappolare, uccidere, ingerire e digerire gli agenti patogeni. Basofili, un tipo di globuli bianchi implicati nelle reazioni allergiche, liberano l’istamina quando incontrano allergeni. L’istamina aumenta il flusso di sangue ai tessuti infetti, consentendo ad altri globuli bianchi di aumentare l’opportunità di rimuovere gli agenti patogeni invadenti. Le cellule dendritiche, trovate nei linfonodi e nella pelle, aiutano a rompere gli antigeni in modo che le cellule T possano riconoscere e eliminarle. Le cellule killer naturali possono eliminare i virus uccidendo le cellule che infettano.

L’immunità innata è dotata della capacità integrata di formare nuove immunità a specifici agenti patogeni. Le cellule del sangue bianco e le proteine ​​del sangue del sistema immunitario innato sono responsabili della capacità del corpo di acquisire l’immunità. L’immunità acquisita si verifica quando le cellule del sangue bianco creano anticorpi contro un determinato agente patogeno, rendendo l’individuo immuni in quella malattia del patogeno in futuro. L’immunità acquisita viene spesso indotta dall’uso delle vaccinazioni.