Qual è l’infiammazione cervicale?

Infiammazione cervicale si riferisce all’irritazione della fodera della cervice. La condizione è molto comune tra le donne di tutte le età, anche se i sintomi sono più probabili comparire tra i 10 ei 25 anni. Molti fattori diversi possono contribuire all’infiammazione cervicale, comprese le infezioni batteriche, le reazioni allergiche e le malattie sessualmente trasmissibili. L’infiammazione può causare dolore durante la minzione e il rapporto sessuale, sanguinamento insolito o scarso dispersione vaginale. Il trattamento dipende dalla causa sottostante e la maggior parte dei problemi può essere curata completamente in una settimana da antibiotici.

Le malattie trasmesse sessualmente sono le principali cause di infiammazione cervicale nelle giovani donne. L’herpes genitale, il papillomavirus umano, la clamidia, la gonorrea e molti altri batteri e virus possono portare all’irritazione delle pareti cervicali. L’infezione batterica può verificarsi anche se una donna ha un sistema immunitario indebolito o perforava accidentalmente la fodera della cervice con un oggetto estraneo. Inoltre, l’infiammazione cervicale può essere un segno di una reazione allergica a un preservativo di lattice, un tampone profumato o un ingrediente di douche.

Molti casi di infiammazione cervicale, inclusi quelli causati da malattie sessualmente trasmissibili, non provocano sintomi fisici notevoli. Una donna può andare indagata fino a quando un esame ginecologico rituale rivela un problema. Quando i sintomi sono presenti, possono includere dolori acuti durante il rapporto sessuale e la minzione e il sanguinamento tra i periodi. I batteri possono causare scariche di colore giallo o bianco. È importante visitare un ginecologo nei primi segni dell’infiammazione cervicale per ricevere una corretta diagnosi e conoscere le opzioni di trattamento.

Un medico può effettuare un esame fisico per cercare rossore, gonfiore e infiammazione del tessuto. Uno strato di pap e un’analisi di laboratorio del fluido di scarico possono rivelare la presenza di batteri o virus specifici. Se i test clinici non sono conclusivi, il ginecologo può eseguire una biopsia tissutale per escludere problemi più gravi, come il cancro cervicale.

Gli antibiotici orali sono efficaci per curare la maggior parte delle infezioni batteriche. I virus, in particolare l’herpes, possono essere più difficili da trattare, sebbene siano disponibili farmaci antivirali per alleviare i sintomi acuti e ridurre le probabilità di ripetute infiammazioni cervicali. Identificare la causa dell’infiammazione allergica e evitare l’esposizione in futuro è di solito sufficiente trattamento per le donne con gravi allergie. Se il dolore e altri problemi persistono nonostante i farmaci, un chirurgo potrebbe aver bisogno di rimuovere una sezione di tessuto cervicale danneggiato, congelandola, cauterizzandola con un laser o scissandola con un bisturi.