Che cosa è l’ipercloremia?

L’ipercloremia è un livello insolitamente elevato di cloruro nel sangue. Il cloruro è un elettrolito essenziale che regola alcuni processi metabolici. Quando i livelli sono elevati, può interferire con i livelli di zucchero nel sangue e il trasporto di ossigeno, portando a problemi di salute per il paziente. I sintomi non vengono solitamente notati finché il livello di cloruro aumenta molto elevato e alcune persone sono più vulnerabili ad un aumento dei livelli di cloruro di altri.

Questa anione è normalmente presente nel sangue in concentrazioni di circa 97 a 107 milliequivalenti per litro di sangue. I livelli possono diventare elevati nelle persone disidratate perché il corpo non riceve abbastanza acqua per i reni per equilibrare adeguatamente gli elettroliti. La malattia del rene e della paratiroideo può portare a livelli di elettroliti, compreso l’ipercloremia, e anche le persone con diabete sono a rischio. Per le persone con rischi noti, un medico può raccomandare un monitoraggio accurato dei livelli di elettroliti.

Le persone con iperclorodi spesso sviluppano la disidratazione e possono perdere fluidi attraverso vomito e diarrea. Il loro livello di sodio nel sangue sarà elevato e i pazienti diabetici possono avere elevati livelli di zucchero nel sangue. Quando viene diagnosticato un paziente, il primo passo è quello di determinare perché i livelli di cloruro sono stati così elevati. Se la disidratazione è un colpevole, il paziente può essere dotato di liquidi per reidratare e stabilizzare l’equilibrio dell’elettrolito. La causa della disidratazione deve anche essere esplorata e affrontata.

Se un processo di malattia sottostante conduce all’ipercloremia, è necessario trattare la malattia. Trattare la condizione dovrebbe causare i livelli di cloruro a tornare alla normalità. Il paziente può essere monitorato durante il trattamento e testato sulle visite di follow-up per verificare che l’equilibrio dell’elettrolito sia stabile. Questo test può includere prove che confermano che la causa dell’ipercloremia è ben sotto controllo, come ad esempio nei pazienti con malattia renale cronica, che vengono testati regolarmente per segni di cambiamenti nel loro stato.

Le persone possono ridurre il rischio di ipercloremia e di altri squilibri elettrolitici mantenendo idratati correttamente, soprattutto nel caldo e durante l’esercizio fisico. L’acqua potabile e gli altri fluidi aiuteranno le persone a mantenere l’umidità e le sostituzioni elettrolitiche possono essere utilizzate per le persone che perdono un sacco di liquidi per evitare l’introduzione di acqua pura nel corpo e causando un calo dei livelli di elettroliti. Le persone a rischio di ipercloremia, incluse le persone affette da diabete e malattie renali, dovrebbero rimanere attenti a segni di complicazioni mediche che potrebbero indicare che il loro attuale approccio al trattamento e alla gestione delle loro condizioni non funziona.